Idee per la casa dei tuoi sogni.....

Costo ricarica condizionatore: prezzi e informazioni 2023

0

Devi far ricaricare il tuo condizionatore? Ti chiedono con quale gas funziona il climatizzatore, R32, R410A, R407C, o R22? Vediamo le differenze tra i gas ed il costo di ricarica di un condizionatore di casa in base al gas utilizzato. Analizziamo costi e prezzi del 2019 perché sono aumentati anche a causa delle normative.

In ordine di tempo il primo gas utilizzato dai condizionatori era R22, ormai bandito, successivamente si è utilizzato prevalentemente il gas R407C, poi R410A. Attualmente la direttiva europea richiede di utilizzare il gas R32 a salvaguardia del buco dell’ozono. Approfondiamo il tema partendo dai costi di ricarica.

Quanto costa la ricarica di aria condizionata? Prezzi e tempistiche

Ricaricare il condizionatore è un lavoro relativamente economico. Il costo dipende prevalentemente da quanto kg di gas si devono rimettere nel climatizzatore.

Il costo per ricaricare un condizionatore dipende dall’attività di ricarica e dal prezzo al kg del gas usato. Nella successiva tabella riportiamo quanto costa ricaricare un condizionatore al kg per tipologia di gas.

Ricarica condizionatori Prezzo all’utente
Costo di ricarica 50€ – 70€ per intervento
Gas R32 25€ – 30€ al kg
Gas R410A 70€ – 80€ al kg
Gas R407C 80€ – 90€ al kg
Gas R422D(sostituto del R22) 90€ – 100€ al kg

Un climatizzatore mono split di casa contiene in genere 1 Kg di gas quindi il lavoro di ricarica di un condizionatore può costare dai 100€ ai 200€ al massimo. Nel caso del gas R22 è più complesso poiché fuori produzione.

In generale, non puoi fare da solo. Per acquistare il gas di un condizionatore (fluido refrigerante) è obbligatorio possedere il patentino frigorista e la certificazione F-gas (DPR 43/2012).

Il tempo necessario per effettuare la ricarica è molto veloce: non prenderà più di 30 minuti. Se il manutentore dovesse trovare una perdita, sappi che i tempi si allungherebbero.

Chiedi adesso un preventivo per ricaricare il tuo condizionatore ai tecnici certificati della tua zona e confronta senza impegno le diverse offerte.

Ricarica del gas del condizionatore di casa, ecco come fare

Dunque, ti sei accorto che il tuo impianto non raffredda più come dovrebbe e hai capito che è il momento di procedere con la ricarica del gas. A questo punto ti starai chiedendo: come si ricarica il condizionatore di casa? Posso fare tutto da solo?

La risposta è che si tratta di un’operazione abbastanza complessa e regolata da severe normative. Non tutti possono fare la ricarica del gas del condizionatore e il D.P.R. 43/2012 disciplina questa attività proprio perché potenzialmente pericolosa: esiste un registro nazionale presso il Ministero dell’Ambiente al quale professionisti e ditte che offrono questo servizio devono essere iscritti obbligatoriamente. Per essere inseriti nel registro, i tecnici devono superare un esame teorico e pratico.

Il fai da te è espressamente vietato dalla legge: oltre a rischiare una sanzione, andresti a maneggiare gas altamente inquinanti e pericolosi; inalare queste sostanze è nocivo per la salute.

L’unica cosa da fare quando devi ricaricare il condizionatore di casa è dunque chiedere aiuto ai tecnici abilitati all’assistenza condizionatori.

Un altro aspetto da considerare è che non è possibile scegliere quale gas refrigerante utilizzare. Ogni condizionatore viene concepito per una certa tipologia di gas, che è incluso “di serie” dalla casa di produzione al momento dell’acquisto del nuovo apparecchio. Dovrai sempre attenerti alle caratteristiche di quello specifico modello e ricaricare l’aria condizionata sempre con lo stesso tipo di gas.

Attualmente, i gas refrigeranti più utilizzati sono R32 e R410. Vediamo quali sono le differenze e le caratteristiche.

Gas refrigerante R32 e R410A: le differenze

Il Regolamento Europeo Nr. 517/2014 impone che dal 2025 devono essere eliminati i condizionatori (mono o multi split) che hanno un Global Warming Potential superiore a 750. In aggiunta vieta i gas nocivi per l’effetto serra. Questa normativa ha l’obiettivo di salvaguarda del nostro pianeta è vuole imporre dei limiti nella quantità di gas refrigeranti immessi nell’atmosfera.

I condizionatori ad oggi in commercio utilizzano R410A o il nuovo R32, dal 2025 solo R32. Quali sono le principali differenze (non parliamo degli altri gas ormai in disuso):

  • Indice di GWP: R32 ha un indice più basso rispetto a R410A
  • Ecologico: R32 non è dannoso per il buco dell’ozono
  • Sicuro: R32 è totalmente sicuro in casa poiché è un refrigerante a bassa infiammabilità
  • Maggiore efficienza: R32 ha una maggior efficienza energetica rispetto a R410A
  • Prezzo minore: R32 costa molto di meno al kg del R410A

Quando ricaricare un condizionatore

Il condizionatore si deve ricaricare solamente quando abbiamo una perdita e abbiamo dei problemi. In assenza di perdite il condizionatore non si scarica.

Il tecnico come prima cosa deve trovare e riparare la perdita (anche per obbligo di legge) e solamente dopo deve ricaricare l’impianto. La legge impone che dopo un mese dalla riparazione si deve rifare il controllo di tenuta e di assenza di perdita dell’impianto di climatizzazione.

Se invece il tuo condizionatore è ormai troppo vecchio e stai pensando di sostituirlo, leggi in questo articolo il costo di installazione e montaggio nuovo climatizzatore e condizionatore.

Cosa fare dopo aver riparato la perdita del gas

Come abbiamo visto se devi ricaricare vuol dire che hai un perdita di gas. Il tecnico serio una volta trovata e riparata la perdita effettua diversi controlli prima di effettuare la ricarica:

  • Verifica il vuoto dell’impianto
  • Prove di funzionamento
  • Pulisce i filtri e gli scambiatori
  • Controlla il corretto assorbimento di corrente

Tutte queste attività possono portare al costo di ricarica di un condizionatore anche a 200€ – 400€ per ogni intervento e split.

Chi può ricaricare il condizionatore

Come detto in precedenza solo un tecnico abilitato può eseguire le operazioni di ricarica e la riparazione della perdita del gas del condizionatore. Chiedete subito la certificazione F-Gas che abilita il professionista a lavorare con i refrigeranti fluorati. Chiedi sempre di far riparare la perdita prima della ricarica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More